Bem PenSado

Quando si pensa al Portogallo, non viene spontaneo collegarlo al mondo dell’auto. Invece, tempo fa, grazie al mio amico Jorge, ho scoperto che anche il Portogallo ha una storia a quattro ruote: il Sado. Questa piccola vettura da città, può essere considerata Made in Portugal, poiché una buona parte dei componenti veniva appunto fabbricato in patria. Il Sado, venne sviluppato dalla società Entreposto, gruppo di imprese industriali e commerciali, a partire dal 1975. Il nome in codice era “Progetto Ximba”, e nacque in un periodo di difficoltà finanziarie per il gruppo Portoghese, nonostante questo, a partire dal 1978, vennero realizzati i primi prototipi del nuovo veicolo, che inizialmente fu concepito come un tre ruote spinto da un motore di 50 cc, soluzione che venne in seguito scartata a favore di una configurazione a quattro ruote abbinata ad un motore dalla cilindrata maggiore. Furono realizzate tre serie di prototipi prima di arrivare al prodotto finale, nel corso di questi anni, nei quali i tecnici incontrarono numerose difficoltà, vennero modificate le carreggiate, la carrozzeria e infine il motore, che non fu più di derivazione motociclistica, ma bensì, automobilistica. Il Sado finale montava infatti, il bicilindrico quattro tempi 547 CC Daihatsu da 28 Cv, che garantiva ottime prestazioni al veicolo, rendendolo maneggevole e scattante ed in grado di competere ad armi pari con auto di maggiore dimensione e potenza. La carrozzeria era in poliestere rinforzato con fibra di vetro, che forniva sufficiente robustezza e rigidità alla piccola auto. La produzione iniziò, alla Entreposto Comercial SA Setubal, nel 1982 e durò all’incirca un paio d’anni, durante i quali vennero realizzate circa 500 unità della piccola microvettura. Durante il periodo produttivo la Sado subì delle evoluzioni, tra le più rilevanti l’adozione del climatizzatore e l’aggiunta di due finestrini laterali posteriori. Sfortunatamente, a causa di molteplici fattori economici, la sua produzione non ebbe seguito e ad oggi è estremamente raro, ed ancor più raro è trovarne uno in condizioni originali.

Terminata la storia del Sado vi lascio alla traduzione della prova dell’epoca del ACP Magazine del 1982:

Made in Portugal…. e ben pensato

Il nazionalismo è un termine, che per noi Portoghesi, viene adottato quando si parla di altri paesi. Naturalmente ci piace parlare bene della nostre cose. Ma la verità è che abbiamo la debolezza, la virtù (o il difetto) di parlarne male, e il suono forte e deciso, della critica, specialmente se dura, ci sembra il modo migliore per descrivere una situazione concreta. Questa riflessione, apparentemente irrealistica, ha a che fare con il fatto che abbiamo costruito un’automobile. Con i limiti di essere il Paese che siamo, ovviamente. Pertanto, il motore e il cambio, tra le altre parti, continuano a venire dall’estero. La progettazione e la realizzazione del veicolo, tuttavia, sono Portoghesi. E anche Portoghese è la maggioranza delle parti del Sado – questo è il nome della nostra auto, che con oltre il 60% delle componenti nazionali può portare l’etichetta Made in Portugal. Con le nostre caratteristiche speciali, guarderemo quei due metri e 36 centimetri di auto con un sorriso sulle labbra e una voce dal profondo: ora, un’auto. Coloro che hanno già girato la chiave di accensione di Sado hanno comunque un’opinione molto diversa. È che l’auto non è un’invenzione, ma è anche lontana dall’essere un giocattolo … uno “stivale con le ruote”. Non mette in imbarazzo nessuno. Al contrario, è un’auto estremamente utile. E speriamo che ci siano possibilità per lei di diventare molto famosa, oltre che un’auto ben congegnata. Probabilmente vi chiederete perché consideriamo Sado capace di trasformarsi in qualcosa di serio. Dopo tutto, è una vettura supermini, con capacità per due persone e spazio per poco più di una valigia …

Bene, prima di tutto è necessario chiarire, nel caso, che il Sado è stato sviluppato per la circolazione urbana e suburbana, per coloro che devono fare vita in città o spostarsi in qualsiasi centro. E per chi ha bisogno di un’auto di questo tipo di vita (dal momento che non è necessario portare con sé più di una persona), Sado ha una risposta a tutti gli aggettivi che illustrano quella piramide di pregi che culmina in efficienza.

Inoltre l’auto Portoghese fa spendere poco (consuma tra 4 e 4,9 l/100 km), è pratica ovunque sistemata, per quanto difficile possa essere l’ora, e dunque, anche se non lo da a notare, ha una destrezza per liberarsi dalle più svariate situazioni, una versatilità di guida che gli permette di affrontare con naturalezza, ad esempio, una città come Lisbona, quella dei sette colli, delle rampe dove molte macchine di tutt’altra potenza “chiedono” all’autista particolare attenzione al cambio…

Quindi, è chiaro che Sado non è il giocattolo come il suo aspetto fa supporre. È anche una sorpresa. E in termini di ricezione, quello che possiamo dire è che sembra capace di farci essere dei nazionalisti! Almeno valutando lo stupore che suscita, la curiosità delle persone che stanno in strada a guardarlo e riguardarlo, degli automobilisti che corrono dietro al Sado per vedere di quello che è capace, di quelli che non potendo resistere cercano di fermarsi vicino alla macchina Portoghese alla prima occasione e chiedono al conducente una mezza dozzina di domande …

Da questa situazione, anche uno dei difetti di Sado. Chi circola con lui non ha un minuto di riposo: praticamente tutti gli fanno domande: in strada, al semaforo rosso, al distributore di benzina.

Una sorpresa chiamata spazio

È tempo, tuttavia, di passare dalle generalità ai dettagli. E sebbene ci sia un detto che impone di ricordare che “chi vede i volti non vede i cuori”, sceglieremo di iniziare con l’aspetto di Sado. Guardando la macchina Portoghese, infatti, sembriamo di fronte a un giocattolo, uno “stivale a ruote”, come già affermato. Ad ogni modo, nel piano estetico, il Sado non sfigura. Dire che è bello sarebbe come intraprendere un’ardua strada: lì si entra nel gusto di ognuno. Ma dire apertamente, è una vittoria, non costa nulla. Basta aprire la porta e trovare lo spazio che potrebbe essere trovato in una stanza. Guidatore e passeggero sono relativamente a loro agio, è possibile estendere le gambe, c’è, infine, spazio che è sorprendente. E non è tutto. La posizione del guidatore (regolabile naturalmente longitudinalmente, come quella del passeggero) è piacevole, il posizionamento della leva del cambio, il freno a mano e i pedali stessi appaiono quasi perfetti. E diciamo quasi perché forse vincerebbe, uno su tutti, il piantone dello sterzo, come esempio di cosa si può fare in un’auto così piccola. Per quanto riguarda gli strumenti e le apparecchiature di bordo, nulla di ciò che è fondamentale manca. In questo caso, l’unica problematica è  la distanza del selettore di luce dal volante, un po’ lontano dalle dita quando si tratta di fare un minimo “segnale” durante la circolazione.

Questi “difetti”, ai quali possiamo aggiungere alcuni dettagli nelle finiture, vale a dire a livello degli accoppiamenti, sono comunque perfettamente accettabili, se teniamo conto che è all’inizio della produzione e finiscono per non avere peso in termini generali, perché l’intero abitacolo è anche piacevole e gradevole alla vista, nonostante una certa austerità.

È necessario, tuttavia, considerare sempre che si tratta di un’automobile progettata per una funzione molto specifica, che non ha nulla di più di ciò che è assolutamente necessario. Questo spiega la mancanza di una luce di cortesia e di un vano portaoggetti. Tuttavia, le carenze possono essere risolte a breve termine, senza grandi difficoltà. In ogni caso, è anche possibile, in futuro, produrre un modello con tutte le raffinatezze, una versione di lusso, ad esempio, in grado di soddisfare i più esigenti. Ma, dobbiamo dirlo, che arriverebbe alla perfezione – e, insistiamo, non mette in imbarazzo nessuno: c’è di peggio in auto dal prezzo più alto…

Confort e prestazioni

Abbiamo già detto che il guidatore e il passeggero del Sado hanno spazio nell’abitacolo. E se questa è una sorpresa, non sorprende meno il grado di comfort raggiunto. Ovviamente, quando si viaggia nel Sado non saremo in una macchina in cui nulla si sente. Ma la verità è che si “sente” poco, specialmente quando ricordiamo che siamo “dentro” una macchina che è due metri, trentasei centimetri e mezzo di lunghezza.

Sull’asfalto, ovviamente, l’auto Portoghese scorre come su una pista. Mentre su piani più difficili, come il pavé così comune nel nostro paese, il Sado è un po’ più sobrio degli altri. Non l’abbiamo mai sentito saltare in modo imbarazzante, anche quando la velocità era apparentemente esagerata, e i passeggeri successivamente sono rimasti sorpresi da questa stessa ragione, perché è difficile non pensare, prima di entrare in macchina, che andiamo incontro ad un supplizio …

Questa sensazione merita un piccolo discorso. Invariabilmente, chiunque veda Sado è sorpreso dalle dimensioni delle ruote (ruote da otto pollici, all’incirca identiche a quelle montate sugli scooter). “Questo è ciò che mi colpisce”, ci hanno detto molte persone. Quando abbiamo chiesto loro perché, ci hanno detto che li faceva pensare ad insicurezza, a mancanza di stabilità. Chiunque entri in Sado per viaggiare come passeggero ha, forse per questa ragione, la tendenza, alla prima curva, ad aggrapparsi a tutto ciò che trova. La cosa curiosa, tuttavia, è che accade solo all’inizio. Non c’è bisogno di dire al passeggero che l’auto, dopotutto, è sicura: lo scopre da solo!

La stabilità del Sado, il suo comportamento in curva, è stato uno dei fattori che ci ha maggiormente impressionato: non tanto per le dimensioni delle ruote, ma per l’altezza della carrozzeria (in questo caso quasi sei centimetri più grande della larghezza). Come è naturale, in una curva, il Sado sbanda.

Probabilmente questo impressionerà molte persone, soprattutto chi sta fuori. Questa tendenza, tuttavia, non è mai stata preoccupante in termini di sicurezza, e potrebbe sembrare esagerato considerarla tale. Vogliamo con questo rafforzare l’idea di un’auto dal “comportamento sano”, l’idea per noi è tanto più importante specialmente quando un’altra è l’immagine che viene considerata ovvero quando si pensa in termini di aerodinamica.

Ora è il momento di parlare delle caratteristiche del motore e “rivelare” che è un 550 cc … In effetti, l’auto Portoghese ha più motore di quanto la gente immagina: sviluppa 28 cavalli e, il suo propulsore è presente anche in Giappone, dove equipaggia piccoli furgoni.

Un motore generoso

E quel motore (Daihatsu), due cilindri, 547 CC, quattro tempi, se non una sorpresa, è almeno una gioia. La facilità con cui si “mangia” la strada non può non essere notata. Il cambio “si esaurisce” in un apice, e la lancetta del tachimetro sale sempre la scala. Bene, ovviamente, questo dipende da quanto gas? E andando piano? Sicuramente nessuno farà finta che un 550 sia un campione di ripresa, ma anche in questo caso Sado non lascerà nessuno scontento. Il motore è generoso e la sua elasticità è notevole. Molti diranno che continuiamo ad andare bene…

Beh, una delle preoccupazioni era, esattamente, approfittare di quello che Lisbona può offrire per  fa male ad una macchina come Sado. Vogliamo dire che abbiamo cercato alcuni dei posti più alti e, come si può dire, non è stato senza sorpresa che lo abbiamo visto, in cima, alla terza meta (Calcada do Poco dos Mouros e Rua Hellodoro Salgrado). Ma un buon termine di paragone è solitamente la rampa dell’autostrada dopo il viadotto di Duarte Pacheco. Naturalmente, abbiamo tirato il Sado e quando siamo arrivati in cima la velocità era di 60 Km/h. Curioso pensare che è stato necessario alzare leggermente il piede dall’acceleratore e vedere che Sado aveva “cuore” per resistere alla quarta marcia…

Dopo questo è naturale che si accetti di vedere l’auto portoghese “correre” nei viali, o fare dei sorpassi sulle autostrade. La sua velocità massima è dell’ordine di 110 Km/h e il primo prototipo è arrivato molto vicino ai 130… E se va bene, non si ferma più: invece anche in questo aspetto il Sado è capace di una risposta molto piacevole, pur avendo solo freni a tamburo. Se tutto è stato finora rosa e fiori, avremmo dovuto dire che ci sono anche dei dubbi. Neppure loro sanno come reagirà Sado ad un incidente. Nelle prove effettuate è stato possibile verificare che le cinture di sicurezza resistono a una forza di mille chili (circa 13 g) senza deformazioni dei punti di appoggio della carrozzeria (in poliestere rinforzato con fibra di vetro). Questo risultato è più che incoraggiante. Ma in termini pratici, non ci sono stati test…

Comunque, visto da questa prospettiva, Sado non sarà più pericoloso di un’altra vettura del genere che viene prodotta in qualsiasi parte del mondo! In ogni caso, in breve, dovremo considerare che Sado è un prodotto di cui possiamo essere orgogliosi. Non abbiamo inventato nulla, questo è certo, ma ciò che abbiamo creato non metterà nessuno in imbarazzo. È un’auto per la città o per coloro che devono spostarsi intorno ad essa; uno strumento di lavoro molto utile. Da questa prospettiva dobbiamo vederlo ed accettarlo. E per ciò che è stato immaginato e fatto – Sado risponde al cento per cento. E per gli scettici continueremo a dire – per 260 contos sarà difficile chiedere di più; costa meno di alcuni motorini!

Il “Progetto Ximba”

Introdotto l’auto sarete curiosi di conoscere un po’ della sua storia. Sado, prodotta dalla Entreposto, cominciò a prendere forma nel 1975, come mezzo per rispondere alle difficoltà che l’azienda stava vivendo, a causa degli aumenti dei costi e delle vendite ridotte. Costruire un veicolo, economico, usando materiale nazionale e che potesse interessare coloro che facevano piccoli viaggi nelle aree urbane e suburbane, era considerato un’alternativa alla situazione.

Da qui è nato il “Progetto Ximba” che, fino al 1978, consisteva nel collaudare una vasta gamma di motori. Il compromesso ideale è stato ricercato per un veicolo a tre ruote. Ecco perché hanno scartato i motori nazionali. Cominciarono con 50 cc, ma presto divenne evidente che ne era necessario un altro, testando anche il Casal 125.

La risposta, tuttavia, era tutt’altro che soddisfacente. Il progetto ha quindi avuto la sua prima deviazione. Dai motori nazionali si è passati ai Giapponesi, per vedere se c’era una grande differenza. Sono state utilizzate unità dei motocicli da 360 cc, sempre motociclette, in alcuni casi molto potenti. In termini di flessibilità, i risultati sono rimasti, tuttavia, non incoraggianti. Nonostante ciò, una serie di problemi dovevano essere risolti con il cambio. I tecnici arrivarono persino al punto di usare scatole del cambio appositamente adattate. Tuttavia, il compromesso considerato ideale non è mai stato raggiunto, anche perché il consumo era elevato. Fino a quando, come risultato di questi fatti e dell’evoluzione del mercato stesso, si concluse che quello di un’auto era l’unico che poteva essere adottato. Ed è stato scelto il Daihatsu 547, che oggi equipaggia Sado.

Il tempo trascorso in queste esperienze non è stato tempo perso. Ad esempio, un telaio tubolare in acciaio e una carrozzeria in poliestere rinforzata con fibra di vetro sono stati utilizzati come opzione, garantendo così una sufficiente rigidità, resistenza alla corrosione e persino economia di produzione.

Tuttavia, trascorsero quasi quattro anni dall’inizio del progetto quando entrò nella fase più difficile: studiare e decidere parti ed insiemi, pensare in termini di qualità e fattibilità economica realizzabile… Fu allora deciso di svilupparlo attraverso diverse serie di prototipi. Ve ne furono tre, prima di raggiungere il Sado 550.

La prima serie, in relazione al modello definitivo, era più stretta, meno spaziosa, aveva una carreggiata più piccola e lo sterzo e i freni, ad esempio, avevano molte differenze rispetto a quelle attuali.

Nella seconda generazione di prototipi, l’abitabilità è stata migliorata e le porte sono state ingrandite per facilitare l’accesso. Il parabrezza divenne curvo, e le finestre laterali triangolari furono eliminate. Per quanto riguarda la frenata, i risultati erano circa il 50% migliori.

La terza generazione, infine, non presenta grandi differenze rispetto all’attuale Sado 550. Le porte sono state nuovamente aumentate; il lunotto, invece, è diminuito; il cruscotto è stato ridisegnato; venne adottato lo spoiler anteriore. Sostanzialmente, quindi, differenze di dettaglio.

Tuttavia, per i test vennero interpellati il Laboratorio Nazionale di Ingegneria Civile e il Centro di Meccanica e Materiali dell’Università Tecnica di Lisbona (rumore e livello sonoro all’interno e all’esterno dell’auto, frenata e sterzo, resistenza del corpo e bloccaggio delle cinture di sicurezza). Ed un bel giorno, il Sado 550 è apparso correttamente omologato per le strade. Oggi ce ne sono circa un mezzo centinaio – e non arrivano per via degli ordini. Un lungo lavoro è stato lasciato alle spalle. E anche molte difficoltà. Perché, come ci ha detto uno degli uomini legati al progetto, l’etichetta Made in Portugal ha i suoi costi …


L’articolo originale in Portoghese:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per l’articolo si ringrazia Jorge Santos


Gallery del Sado:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Copyright © Storie di Vecchie Auto 2016–2019. All rights reserved.

2 risposte a "Bem PenSado"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: